Approfondimento di Seno Giovanni (Scherolin) – Biografia sportiva di Scherolin

Sono nato a Burano, il 27-08-1942.

A 5-6 anni mio padre, pescatore, mi portava in barca dove delle volte mi metteva le mani sul suo remo e mi faceva vogare. Un paio di anni dopo ero già in grado di vogare alla valesana.
Specialità che poi mi permise di vincere una decina di regate”. All’età di 11 anni finita la quinta elementare, ho cominciato, assieme a mio padre e a mio fratello, il mestiere di seraggiante, che mi faceva stare lontano da casa in media dodici giorni poi rientravo per tre e via di nuovo per altri dodici. Questo succedeva dal mese di marzo fino a fine novembre, naturalmente fino a 19 anni non ho potuto coltivare lo sport della voga.
Nel 1961 dopo aver ricevuto il permesso da mio padre, mi sono iscritto alla regata di Murano dei Giovani su Pupparini a un remo (mi ricorderò sempre la mattina delle eliminatorie), dopo una notte di pesca sono andato al mercato ittico del Tronchetto, e poi via alle eliminatorie. Aiutato da Giovanni “Strigheta” un noto regatante del momento che mi prestò: remo, forcola e puntapie riuscii a qualificarmi per la regata dove arrivai al 7° posto. Da non sottovalutare che in questa regata partecipavano: 3° Giuseppe Schiavon,4° Angelo Badan, 5° Bruno Vignotto, 6° Giannino Vianello.

L’anno successivo mi qualificai di nuovo e in regata arrivai nuovamente 7° per questo motivo scoraggiato e poco incitato dai familiari smisi di vogare.

Nel 1964, Fabio Amadi (ora noto personaggio politico), mi chiese di fare un equipaggio di canottaggio e così assieme a Giovanni Costantini (poi divenuto il nostro capovoga) e Gaetano Pastrello, formammo un equipaggio di iole a quattro alla Querini. Quel anno vincemmo il titolo regionale a Padova.
L’anno successivo cominciammo con un altro capovoga, ma poco dopo Amadi, ebbe un incidente automobilistico (che lo costrinse alla sedia a rotelle), e così finì anche quel periodo.

Arrivò il 1975: anno in cui Costantini Umberto “Burielo” mi chiese di vogare alla Regata di S. Erasmo. Facemmo le eliminatorie con l’aiuto di Palmiro Fongher che dandoci dei consigli ci qualificammo. In regata arrivammo 4° e quella fu la mia prima bandiera (io avevo 33 anni “Burielo” 18). Vincemmo alla grande a Burano la regata dei Pescatori, arrivammo 2° a Campalto e a Treporti.

Dopo questi risultati, incoraggiati, ci siamo iscritti alle eliminatorie della storica, andammo a Malamocco, senza aver mai vogato sui gondolini con i remi prestati da Toni Sorriso, e forcole prestate dai dottori Zanotto e Potenza, che vogarono in prima batteria e noi,invece, nella seconda. Ci qualificammo con il quarto tempo a otto secondi da Gigio “Strigheta” e Franco Crea, in regata arrivammo 7°. Dopo due settimane a Burano, ci prendemmo una bella rivincita arrivando 2° posto.

Nel 1976, dopo un secondo posto a S. Erasmo un quinto al Redentore, un sesto a Pellestrina, un primo a Treporti. Fummo riserva alla Regata Storica, settimi a Burano.
Nel 1977, dopo un altro secondo a S. Erasmo vincemmo al Redentore per ex equo con Sergio Ciaci e Bepi Fongher, ma questa foto dimostra che la vittoria sarebbe stata nostra. Poi arrivammo quarti agli Alberoni e quarti a Pellestrina, settimi in Storica e settimi a

Nel 1978 ultimo anno del primo sodalizio con “Burielo”, cominciammo col primo posto a S. Erasmo il quarto al Redentore (prima regata su gondole a quattro remi assieme ai fratelli “Panna”), terzi a Pellestrina, quinti in Storica ed infine ottavi a Burano.
Nel 1979-1980 in coppia prima con “Stella” poi con “Botin”, furono due stagioni senza acuti a parte due terzi posti in Storica nelle Caorline.
Nel 1981 in coppia con Germano Lachin, dopo un terzo posto a S. Erasmo, arrivò il primo posto al Redentore assieme ai fratelli Mario e Luciano “Panna” una regata vinta alla grande con distacco. Poi un terzo posto nella Storica in caorlina.
Nel 1983 vogai a prua in coppia con Bepi Suste arrivammo secondi a San Pietro in volta, e primi in storica nelle caorline assieme ai cugini Cristiano e Lino “Fongher”, Angelo Vidal e Bruno Bregatin.

Nel 1984 arrivai primo in Storica nelle caorline vogando con Tagliapietra Mario “Ciaceti”, Rossi Giuseppe “Suste”, Seno Graziano “Lalo”, Andrea, Tagliapietra Sandro “Ciaceti”, Costantini Sergio “Moretto”.

Nel 1985, nuovo sodalizio con “Burielo”, questo è stato un anno molto positivo dopo un terzo posto alla Sensa (assieme ai fratelli “Tona”), arrivammo secondi al Redentore, terzi a Pellestrina, quarti in Storica (e questa sarà la mia unica bandiera sui gondolini), ed infine terzi a Burano.
Nel 1986, anno sfortunato: solo due quinti al Redentore e Pellestrina, un sesto in Storica e un terzo a Burano.
Dal 1987 al 1989 sono stati anni senza acuti, mi son dovuto accontentare di qualche bandiera in caorlina e nelle regate minori.<

Nel 1990 ho cominciato il sodalizio con Sandro Tagliapietra “Ciaceti”; primi alla Sensa con Franco “Strigheta” e Gianpaolo D’Este.
Un quarto posto a Pellestrina; in Storica abbiamo vinto la Regata delle Caorline assieme ad Aldo Dei Rossi “Strigheta”, Sergio Moreto, Leo Gavagnin, Mario Rossetti.

Nel 1991 ottavi al Redentore, riserva a Pellestrina qualificati in Storica sui gondolini, ma poi in Regata fummo sfortunati perchè il cordino si attorciglio attorno al socheto e prima che riuscissi a liberarlo gli altri erano già avanti di cento metri.
L’anno dopo non fu proficuo a parte un altro primo alla Sensa sempre con Franco “Strigheta” e Gianpaolo, poi per otto anni non ebbi altri risultati soddisfacenti anche perchè non trovavo un compagno adeguato.

Nel 1999, Andrea Dei Rossi “Strigheta” mi diede la possibilità di vogare con lui ma i risultati furono scarsi, un ottavo posto al Redentore, un settimo a Pellestrina e un secondo in Storica in caorlina (assieme a Bruno “Vignotto”, Sandro “Ciaceti”, Maurizio “Sustin”, Mario “Laleto”).

Questo fu il mio “canto del cigno” e finì la mia carriera ufficiale.
Dal 2000 in poi mi sono limitato a fare solo regate minori e sociali, anche perchè gli anni cominciavano a farsi sentire…

Raccontato da: Seno Giovanni, detto “Scherolin”